logo suap
Comune di Signa
 
Sezione Servizi Accessori
 
Info > Protocolli di intesa
Modulistica
 
In questa sezione puoi trovare informazioni sulla modulistica unica regionale per le attivitą produttive ed edilizie presente sul sito della Regione Toscana
 
MODULISTICA: Sportello Unico
        MODULISTICA DA UTILIZZARE
        La presentazione di comunicazioni, segnalazioni o domande al SUAP deve avvenire attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale STAR di regione Toscana.
Per accedere ai servizi STAR utilizzare la ACCEDI (menù in alto a destra) o la voce "Inviare la pratica On Line" presente nella HOME.
STAR prevede che la compilazione avvenga attraverso la compilazione di moduli (form) interattivi.
Per una consultazione libera dei moduli senza necessità di autenticazione è necessario sapere:
  • i moduli interattivi di STAR sono stati costruiti in base alla modulistica regionale deliberata;
  • I moduli pdf scaricati non possono essere utilizzati per presentare la domanda attraverso canali diversi da STAR come ad esempio la trasmissione tramite PEC.
        PROCURA SPECIALE - INCARICO PER LA SOTTOSCRIZIONE DIGITALE
        Serve a far presentare la tua pratica da un' altra persona che ha la firma digitale e la casella di posta elettronica certificata, ad esempio il commercialista o il patronato.
Ci vuole anche una copia del documento di identità di tutti e due.
        Dichiarazione per marca da bollo virtuale
        Dichiarazione per marca da bollo virtuale
        NUOVA MODULISTICA AMBIENTALE
        

Con Decreto Dirigenziale della Regione Toscana n. 17460 del 06/11/2018 sono stati approvati e/o aggiornati  i seguenti moduli unici regionali :

  • modulo di comunicazione di variazione della titolarità dell’impianto ai fini della volturadella Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) (Allegato A);
  • modulo di comunicazione di variazione della titolarità dell’impianto ai fini della voltura dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera di carattere generale (art 272 del d. lgs 152/2006) presentata fuori AUA (Allegato B);
  • modulo di comunicazione cambio denominazione o ragione sociale ai fini AUA (Allegato C);
  • modulo unico regionale - aggiornato nella scheda D “Emissioni in atmosfera per impianti e attività in deroga” e nella sezione “Informativa privacy” - di istanza di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) (Allegato D) che sostituisce il corrispondente modulo unico regionale di cui all’allegato A al decreto dirigenziale n. 16412/2017;
  • modulo unico regionale - aggiornato nella scheda D “Emissioni in atmosfera per impianti e attività in deroga” e nella sezione “Informativa privacy” - di istanza fuori AUA di adesione all’autorizzazione di carattere generale alle emissioni in atmosfera ex art. 272, comma 2 del Dlgs n. 152/2006 (Allegato E) che sostituisce il corrispondente modulo unico regionale di cui all’allegato B al decreto dirigenziale n. 16412/2017;

I nuovi moduli sono scaricabili cliccando qui sotto

allegato A

allegato B

allegato C

allegato D

allegato E

        GAS TOSSICI - MODELLO DI DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ACQUISTO DI GAS TOSSICI PER UTILIZZO IMMEDIATO
        GAS TOSSICI - MODELLO DI DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ACQUISTO DI GAS TOSSICI PER UTILIZZO IMMEDIATO
        GAS TOSSICI - MODELLO DI DOMANDA DI RILASCIO E RINNOVO CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALL'UTILIZZO DI GAS TOSSICI 
        GAS TOSSICI - MODELLO DI DOMANDA DI RILASCIO E RINNOVO CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALL'UTILIZZO DI GAS TOSSICI 
        PRODOTTI FITOSANITARI - DOMANDA DI RILASCIO / RINNOVO CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALLA VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI
        PRODOTTI FITOSANITARI - DOMANDA DI RILASCIO / RINNOVO CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALLA VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI
        DOMANDA DI PARERE PREVENTIVO
        DOMANDA DI PARERE PREVENTIVO
        MODELLO NUOVO INSEDIAMENTO PRODUTTIVO
        La relazione tecnica e le planimetrie dei locali, oltre alla rappresentazione del layout delle attrezzature utilizzate nelle lavorazioni,  devono contenere l'indicazione delle misure che consentano la verifica dei requisiti igienico sanitari previsti dalla normativa vigente per i locali e gli ambienti di lavoro. 
(vedi Allegato B Decreto 7225 del 18/12/2002 Regione Toscana/Aziende USL Dipartimenti di Prevenzione).
Gli enti di competenza devono poter verificare ad esempio i rapporti aeroilluminanti,  le dimensioni dei vani, le indicazioni sulle vie di fuga ,il dimensionamento ed il tracciato degli scarichi, gli impianti ecc

        AZIONAMENTO MACCHINARI  - FINO A TRE ADDETTI - DA PRESENTARE TRAMITE PEC comune.signa@postacert.toscana.it
        

Con Delibera di Consiglio Comunale n. 97 del 25/11/2019 è stato approvato il “Regolamento di Polizia Urbana e Norme per la Convivenza Civile” che tra le varie attività, all’articolo 10 detta delle regole e stabilisce degli adempimenti per le attività produttive.

“Articolo 10. Attività produttive ed edilizie rumorose. Azionamento macchinari.

1. I macchinari industriali e similari (motocompressori, gru a torre, gruppi elettrogeni, martelli demolitori, escavatori idraulici, ecc.), dovranno essere utilizzati adottando tutti gli accorgimenti tecnicamente disponibili per rendere meno rumoroso il loro uso e dovranno essere conformi, per quanto riguarda le emissioni acustiche, alla vigente legislazione in materia.

2. Le attività e le lavorazioni rumorose, anche quando rientrino nei limiti di legge, salvo deroghe alle fasce orarie sotto riportate concesse dall’Amministrazione Comunale, potranno essere esercitate esclusivamente dalle ore 07.00 alle ore 20.00 dei soli giorni feriali.

3. Nell’esercizio di attività anche in sé non rumorose, delle quali sia tuttavia ammessa l’effettuazione in orario notturno, come ad esempio la panificazione, dovranno essere posti in essere tutti gli accorgimenti per evitare disturbo e/o interruzione del riposo altrui, anche nell’apertura e chiusura di serrande, nella movimentazione di materiali e cose, etc.

4. Tutte le attività artigianali o industriali che, a scopo produttivo, azionino macchinari industriali o similari all’interno del territorio comunale del Comune di Signa, qualunque sia il numero di addetti ed anche in assenza di opere edilizie, non possono iniziare senza avere inoltrato apposita comunicazione al Sindaco. Anche le vecchie attività artigianali o industriali debbono adeguarsi entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del presente testo. Sono esentati dalla comunicazione di cui al presente articolo quelle attività che siano obbligate alla presentazione allo Sportello Unico delle Attività Produttive di comunicazioni per autorizzazioni, licenze e requisiti o altro previste dalla normativa vigente. Condizione necessaria per poter attivare il macchinario è che il locale ove si intende attivare lo stesso abbia destinazione d’uso artigianale, industriale o compatibili con la zona urbana in cui insiste secondo le norme vigenti in atto.

5. Per l’attività che si vuole iniziare, dovrà essere presentata una valutazione d’impatto acustico e/o dichiarazione di non superamento dei limiti di emissione acustica. Qualora durante l’esercizio dei macchinari venga presentato un esposto per disturbo o il superamento dei limiti di rumore consentiti dalle norme, il Responsabile di Settore competente potrà assegnare un termine entro il quale la ditta dovrà produrre gli esiti di una verifica autonoma certificata da un tecnico competente in materia acustica. Decorso infruttuosamente tale termine senza che sia stato provveduto ai suddetti adeguamenti, sarà intimata la cessazione dell’attività.

6. Le attività in zone a destinazione industriale o artigianale possono essere svolte tra le ore 6:00 e le ore 22:00; nelle aree residenziali sono consentite esclusivamente dalle 7:00 del mattino alle 20:00 di sera dei soli giorni feriali.

7. Il divieto di cui al comma precedente non si applica alle attività a servizio diretto del cittadino che, per consuetudine, vengono svolte nel periodo notturno, quali forni, pasticcerie e similari, nel rispetto dei valori limite di rumore previsti dalla legge e dal vigente piano di classificazione acustica comunale.”

        AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA SEMPLIFICATA
        AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA SEMPLIFICATA
        AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA ORDINARIA
        AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA ORDINARIA
        COMPATIBILITA' PAESAGGISTICA
        COMPATIBILITA' PAESAGGISTICA
        

AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE INSEGNE, TENDE DA SOLE ECC.

        

Chiunque sia interessato all'installazione di una insegna pubblicitaria per propangandare un'attività produttiva, commerciale e di altro genere, di una freccia segnaletica o di una tenda da sole, dovrà presentare una richiesta di autorizzazione al Sindaco.


Essere proprietario o legale rappresentante o utilizzatore di locali (previo assenso del proprietario dei locali stessi).

1 - Planimetria generale della zona (scala 1:2000 o 1:1000) con indicazione dell'edificio interessato; 2 - Bozzetto insegna rappresentante le dimensioni, le caratteristiche, i colori del fondo e delle lettere; 3 - Fotografie (10x15) della facciata del fabbricato interessato all'installazione; 4 - Ricevuta del versamento dei diritti tecnici; (da allegare al momento della richiesta); 5 - Ricevuta versamento diritti segreteria; (da presentare al momento del ritiro).

* 2 marche da bollo da € 16.00 (una da allegare alla domanda e una da presentare al momento del ritiro) * Diritti tecnici e di segreteria (vedi tabella allegata).

1) Articolo n. 23 del Codice della Strada;
2) Regolamento Edilizio Comunale;
3) Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 101 del , 14.11.1994.
4) Regolamento per la disciplina degli Impianti Pubblicitari.

MODELLO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE INSEGNA

AUTOCERTIFICAZIONE INSEGNA

DICHIARAZIONE VENTO INSEGNA

TABELLA DEI DIRITTI

PER INFORMAZIONI SULL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' CLICCARE QUI SOTTO

Imposta Comunale sulla Pubblicità - ICP (signa.fi.it)

Logo WAI - web accessibility initiative